La S.I.D.S. dall’acronimo inglese Sudden Infant Death Syndrom, si può definire come una morte improvvisa ed inaspettata che colpisce il bambino sotto i 12 mesi; si verifica durante il sonno e resta priva di ogni spiegazione anche dopo attento esame autoptico.

L’epidemiologia, evidenzia che la S.I.D.S. colpisce prevalentemente il primo anno di vita, escludendo l’epoca neonatale, e che la maggior parte degli eventi si verificano entro i primi 6 mesi di età con un picco di incidenza tra i 2 e i 4 mesi.

A questo periodo della vita corrisponde una particolare instabilità dei meccanismi deputati al controllo delle principali funzioni vitali dell’organismo: l’attività cardiaca e respiratoria.

Nel sesso maschile si presenta con un rischio superiore del 30-50% rispetto a quello femminile.

Ad oggi non vi è alcuna spiegazione scientifica completa su questa sindrome ma ci sono alcune condizioni che accompagnano il fenomeno costantemente, inquadrando la S.I.D.S. come entità dovuta a cause multifattoriali.

In base alle attuali conoscenze però possiamo prevenire il rischio di mortalità in culla in modo notevole, adottando delle azioni corrette nei confronti del nostro bambino.
Scopriamo quali sono i consigli utili:

  • 
Posizione supina: il bambino deve riposare sempre con la pancia in su
  • Non fumare in gravidanza
  • Utilizzare un materasso rigido
  • No cuscini, paracolpi, piumoni e peluche
  • Non dormire nello stesso letto
  • La temperatura dell’ambiente deve essere tra i 18° ed i 20°
  • Usare il ciuccio (dopo i primi 40 giorni di vita)
  • Allattare al seno se possibile