Gli annegamenti in età pediatrica sono la seconda causa di morte accidentale, dopo i traumi, nei bambini d’età compresa tra i 2 e 4 anni.
Vediamo insieme quali sono i consigli dei nostri esperti per un’estate sicura;

AL MARE:


  • Scegliere tratti di mare sorvegliati da bagnini
  • Tenere presente che il limite acque sicure e molto teorico: si considera “sicura” l’acqua che arriva sotto la linea ombelicale
  • 
Non far entrare il bambino in acqua quando è esposta la bandiera rossa
  • 
Fare molta attenzione in presenza di vento di terra: il pericolo aumenta quando il bambino gioca con materassini o sistemi di aiuto al galleggiamento, in quanto, il vento potrebbe spingerlo verso il largo
  • Non far tuffare il bambino se non si conosce il fondale
  • Non farlo mai nuotare da solo; se il bambino è assicurato a dei sistemi di galleggiamento (Braccioli – Ciambelle, et) è obbligatoria la presenza di un adulto.

IN PISCINA:


  • mai lasciare il bambino da solo in acqua
  • in caso di piscine condominiali o piscine smontabili, assicurarsi di rendere inaccessibile il sito nelle ore dove non vi sono adulti a poter controllare la presenza di eventuali bambini.
  • non lasciare i bambini da soli in piscina con le ciambelle galleggianti. Il rischio di ribaltamento è elevato.